Riccardo Berti Assicurazioni
Riccardo Berti
via della Pace, 8
58010 Albinia
GROSSETO
Tel/Fax 0564 87 08 40
Cell. 335 13 77 153
P.I. 01240370534
Riccardo Berti Assicurazioni

@

e-mail
Banca e Previdenza
Gentile Visitatore, in allegato un'estratto esplicativo della nuova normativa entrata in vigore il 01.11.07 in Italia denominata con la sigla "MIFID" - Market in Financial Instruments Directive. A seguito del recepimento della stessa sono state apportate le relative modifiche richieste per una migliore comprensione dei servizi offerti nel settore finanziario, bancario e assicurativo in Italia e nella Comunit├ Europea.
Qualora avesse piacere, pertanto, di conoscere in modo pi├╣ approfondito l'argomento potr├ consultare il file .doc stesso o meglio ancora visitare il sito istituzionale della CONSOB: www.consob.it (Commissione Nazionale per le Societ├ e la Borsa).
Una maggiore consapevolezza conoscitiva dei mercati e delle figure preposte ad operarvi a cui ci rivolgiamo in ogni momento per l'ottimizzazione della nostra gestione finanziaria familiare e/o aziendale ├Ę di fondamentale importanza, affinch├Ę si ottengano maggiori benefici attraverso la completa trasparenza d'informazione ed operativit├ per un fine efficiente e costruttivo.
William Colombo
Promotore Finanziario
MIFID
 
Con decorrenza 30/04/2008, impone limitazioni all'utilizzo dei contanti e dei titoli al portatore e introduce significative variazioni alla normativa sugli assegni bancari e circolari e sui vaglia postali e cambiari.
Pagamenti in contante e libretti di deposito al portatore - divieto di effettuare trasferimento pari o superiore a euro 5.000,00
Assegni bancari - assegno muniti di clausola di non trasferibilit├ , la clientela potr├ comunque richiedere, per iscritto, assegni privi della clausola di non trasferibilit├ previo il versamento dell'imposta di bollo, da parte del richiedente, pari a euro 1,50 per ogni modulo di assegno ( un carnet libero da 10 assegni comporter├ la riscossione di un imposta di bollo euro 15,00).
Assegni di importo pari o superiore a euro 5.000,00 dovranno essere emessi come non trasferibili, con l'indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario.
Assegni di importo inferiore a euro 5.000,00 potranno essere emessi come liberi (senza clausola di non trasferibilit├ ) e saranno trasferibili a mezzo girata indicante il codice fiscale del girante (l'assenza del codice fiscale comporter├ la nullit├ della girata ).
Assegni emessi all'ordine dello stesso traente (con diciture del tipo "me medesimo, mio proprio" e analoghe), indipendentemente dall'importo, potranno essere girati unicamente per l'incasso a Poste Italiane o a una banca.
Assegni circolari - Dal 30/04/2008 le banche e le Poste Italiane S.p.A. emetteranno assegni circolari indicanti i dati del beneficiario, muniti della clausola di non trasferibilit├ .
Tutti gli assegni circolari di importo pari o superiore a euro 5.000,00 verranno emessi comunque con la clausola di non trasferibilit├ .
Sar├ possibile trasferire a mezzo girata assegni circolari richiesti espressamente dal cliente in forma libera (se di importo inferiore a euro 5.000,00), con l'accortezza di indicare a ogni girata il codice fiscale del girante (l'assenza del codice fiscale comporter├ la nullit├ della girata)
Per un dettagliata informazione visionare il file .doc allegato riassuntivo ed esplicativo.
Buona Informazione!
William Colombo
Nuova Normativa Antiriciclaggio (D.L. 231 del 21/11/2007)
 
Gentile Cliente, di seguito l'informativa affinchŔ non viva disagi per l'operativitÓ con bonifici verso estero o Italia dal 01.01.2008.

Attenzione! che per coloro che ricevono i propri stipendi o compensi per il lavoro svolto se non saranno comunicate le coordinate IBAN del proprio conto corrente bancario a eventuali datori di lavoro (o Uffici del Personale) o a propri clienti, non potranno ricevere le somme di quanto spettante, in quanto non saranno operazioni eseguibili dal 01.01.2008.

SEPA (Single European Payment Area)
Nell'ambito dell'uniformazione dei servizi di pagamento a livello europeo, la Commissione Europea ha emanato la Direttiva sui sistemi di pagamento che consentiraÓ a partire dal 1░ gennaio 2008, di porre le prime basi per la costituzione della SEPA (Single European Payment Area). L'obiettivo del progetto SEPA, che durer├ alcuni anni secondo un piano nazionale giÓ compitamente definito, Ŕ di creare in area Euro un unico sistema dei pagamenti, in modo che tutti i cittadini dell'Unione possano essere in grado di effettuare pagamenti in Euro all'interno della UE (definita come UE 27 pi¨ Norvegia, Svizzera, Islanda e Liechtenstein).

Il sistema bancario italiano, in considerazione di tale evoluzione, ha previsto, a partire dal 1░ gennaio 2008, di utilizzare il codice IBAN - Intenational Bank Account Number (composto da una serie di numeri e lettere - 27 caratteri - che individuano in maniera standard il Paese in cui Ŕ tenuto il conto, la Banca, lo sportello e il conto corrente del destinatario del bonifico,) oltre che per i bonifici cross border anche per i bonifici eseguiti in Italia.

L'IBAN (rilevabile sul frontespizio degli estratti di conto corrente) sar├ adottato come unico ed esclusivo standard per l'identificazione del conto corrente da utilizzare nell'esecuzione dei pagamenti nazionali, indipendentemente dall'importo di tali trasferimenti, in coerenza con quanto giÓ stabilito a livello europeo per i pagamenti cross-border;

Le vecchie coordinate bancarie nazionali (ABI , CAB e n. conto) non risulteranno pi¨ utilizzabili a tale scopo, ed il relativo standard resterÓ valido unicamente per la determinazione delle coordinate IBAN (che le incorpora).


Solo i pagamenti recanti un IBAN formalmente valido saranno considerati eseguibili nel circuito interbancario senza oneri aggiuntivi.

L'invio di bonifici privi delle coordinate IBAN complete e corrette genereranno l'applicazione di una penale interbancaria, la cui applicazione sarÓ sospesa fino al 3 giugno 2008, per consentire l'adeguamento di tutti gli operatori e i Clienti ai nuovi standard.
 
In una giornata di sole le formiche stavano facendo seccare
il loro grano. Una cicala invece cantava allegramente.
Venne l'inverno, la cicala affamata, non avendo provviste,
and├▓ dalle formiche, a chiedere loro un po' di cibo.
Allora le formiche le dissero:
PERCHE? NON HAI FATTO PROVVISTE ANCHE TU QUEST' ESTATE? (Esopo)
Formica o cicala?
Considerando la notevole consistenza del risparmio medio il risparmiatore italiano pare avere gi├ scelto. Rimane da decidere come sfruttare al meglio non tanto le grandi somme di denaro quanto quelle di minore entitÓ specialmente quelle che vengono accantonate poco per volta e che il pi¨ delle volte non trovano un impiego.
Come creare un capitale partendo da zero? In un modo ancora poco conosciuto e diffuso: il PAC (Piano di Accumulo di Capitale).
Che cos├Ę?
Il PAC ŔĘ una forma di investimento dei fondi comuni che consente di investire periodicamente somme di denaro anche piccole per costituire, nel medio-lungo termine, un capitale.
. Con il PAC il risparmio diventa un investimento corrente e programmato e indirizzato ad un fine preciso (l'auto, il mobilio, la casa, lo studio, la pensione, esigenze di tutela familiare, etc).
Il meccanismo dei versamenti periodici e sistematici, anche attraverso il prelievo automatico dal conto corrente, risolve inoltre il problema del momento giusto in cui investire e consente di non essere travolti dalle euforie o dalle depressioni conseguenti alle oscillazioni dei mercati.
Durante le fasi di crisi infatti la stessa somma investita compra pi¨╣ quote dell'investimento prescelto, nelle fasi di crescita il valore delle quote possedute aumenta.
Il PAC quindi, statisticamente, ŔĘ il modo vincente per investire sui mercati finanziari.
Ulteriore grande vantaggio Ŕ quello di partecipare con capitali molto modesti ad una gestione professionale e dinamica del risparmio.
PerchŔ non prendere quindi in considerazione una tale opportunitÓ ?
E poichŔ ogni grande investimento comincia con un piccolo risparmio non esiti quindi a contattarci, potremo illustrarLe in dettaglio le opportunit├ e i risultati conseguiti dall'investimento in Piani di Accumulo ed esaminare con Lei i suoi obiettivi e le soluzioni pi├╣ idonee per raggiungerli secondo la sua propensione.
Certo di aver fatto cosa gradita colgo l'occasione per inviarLe i miei pi├╣ cordiali saluti.
William Colombo
Promotore Finanziario Prima dell'adesione leggere il Prospetto Informativo.
Non vi ├Ę garanzia di ottenimento di uguali rendimenti in futuro.
La quota dei fondi di diritto estero ├Ę al lordo della tassazione sul capital gain, mentre quella dei fondi di diritto italiano ├Ę al netto della stessa.
 
Sul T.f.r. ad oggi ne sono state dette di tutte, ma se venisse fermato un utente a caso (per non dire degli operatori!) e gli si chiedesse di parlarci a grandi linee della nuova riforma del Trattamento di Fine Rapporto, probabilmente pochi saprebbero spiccicare una parola al riguardo. Tutto questo a ragione, per 2 semplici motivi. Il primo, a parer mio, si trova nell'anomalo sistema italiano che quello di spiegare la stessa cosa in 1000 modi diversi e non chiarire mai il concetto al cittadino. Il secondo motivo che le Compagnie (vedasi le pubblicit├ in televisione) si preoccupano pi├╣ di vendere il proprio marchio che il prodotto in se stesso. Nel mio sito ho voluto provare a riunire tutti i vari concetti espressi finora e ho voluto riassumerli in maniera sintetica e semplicistica. Ho lasciato perdere tutte le definizioni e le leggi richiamate, tanto quelle sono state gia ampiamente rivendute, ma ho cercato di spiegare a grandi linee i vantaggi che pu├▓ rappresentare per l'utente e/o per la ditta passare ad un fondo pensione privato. Chi ├Ę obbligato e chi no. Per ultimo cosa succede se si aderisce al fondo pensione aperto privato. Per le spiegazioni pi├╣ normali ci si pu├▓ informare in modo semplice tramite il sito del Governo Italiano: www.tfr.gov.it dove l'utente avr├ modo di comprendere anche il funzionamento di un Fondo Pensione in Italia
 
Clientela Aziendale
 

Vai al sito internet


Vai al sito internet





Vai al sito internet

Vai al sito internet

Vai al sito internet

Vai al sito internet


Vai al sito internet






Vai al sito internet